la craxite di Moggi

moggi_intv

Povero Moggi! Si è ammalato di craxite, l’ha contratta in un bar, ecco le prove: “Ho conosciuto Moggi al bar, è il più grande”, l’ha detto Stefania Craxi. Ecco, l’ex direttore generale della Juventus, al centro dello scandalo di calciopoli che lo ha allontanato dal mondo del calcio, sarà infatti capolista alla Camera per i ‘Riformisti Italiani’ dell’ex sottosegretario di Stato agli Esteri. La lista dovrebbe presentarsi collegata a quella del Pdl… e meglio ci sentiamo!

”Stiamo parlando del piu’ grande sportivo italiano. Moggi non e’ solo candidato per i Riformisti italiani, è una bandiera contro questo circo mediatico giudiziario che dura da 20 anni; che rovina famiglie, carriere e onore delle persone; contro questo Paese ipocrita e alla ricerca di un capro espiatorio; e contro chi non poteva non conoscere il sistema del calcio italiano e ha fatto finta di cadere dalla luna”. Cosi’ Stefania Craxi, ha cammentato la decisione di candidare Luciano Moggi come capolista in Piemonte.

Ma come proprio in Piemonte? Crede la Stefania che gli juventini di cui il Piemonte è zeppo abbiano memoria corta? Crede che gli juventini con un minimo di comprendonio abbiano le fette di mortadella agli occhi? Credo che la Stefania abbia fatto male i conti e che il povero Moggi ha solo una malattia in più, oltre alla bugiardite acuta ha ora la craxite incipiens. Auguri!

Annunci

7 thoughts on “la craxite di Moggi

    • A proposito di teatrino…

      Consigli non richiesti a Grillo da Massimo Gramellini – La Stampa

      Smetta di fare la vice-vittima: è tornato il titolare. Ha saputo l’ultima del regime liberticida? Dopo consultazioni frenetiche con il Club Bildeberg, l’Anonima Banchieri e l’Ordine del Santo Graal, la lista-civetta ideata per togliere voti ai suoi Cinquestelle è stata bocciata dal ministero. Sicuramente ci sarà qualcosa dietro. Lei però guardi avanti. Cosa riflette il finestrino del pullman su cui sta girando l’Italia? Il viso alterato di un uomo simpatico che non fa che evocare catastrofi (persino la campagna elettorale l’ha chiamata Tsunami Tour), di un gabibbo barbuto che urla la sua rabbia come tanti la mattina sotto la doccia, prima di nascondere l’ansia sotto il loden e ritornare umani o almeno montiani. Spieghi al burattinaio Casaleggio che con le invettive becere, gli scenari macabri e i toni da setta si possono compattare le minoranze motivate fino al fanatismo, ma non si conquista la pancia di questo Paese. Gli italiani, disse una volta per tutte Montanelli, vogliono fare la rivoluzione d’accordo con i carabinieri. Cinquestelle è sceso nei sondaggi perché fa paura e anche un po’ senso. Le epurazioni dei dissenzienti. L’abbraccio ai fascisti di Casapound. Quell’irridere gli avversari e storpiare i loro nomi (l’ultimo è Ingroia-Ingoia: una volgarità che era venuta in mente a tutti, ma che ha detto soltanto lei).

      Torni a farci sorridere, signor Grillo. Il sorriso è il carburante dei sogni. Anche di quelli che, ne sono convinto, lei coltiva ancora purissimi dentro di sé. Ma un futuro che nasce da un urlo è un futuro che non promette felicità per nessuno, solo altre urla.

  1. Il capostazione ha ritrovato la paletta!
    Luciano Moggi ex dg della Juventus ha rinunciato alla candidatura offerta dai Riformisti Italiani: “Ringrazio Stefania Craxi ma sono costretto a rinunciare per potermi concentrare al meglio sulla mia priorità, il processo Calciopoli”. Qualcuno con un residuo di dignità gira ancora per l’Italia dei furbi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...